Aggiornamento situazione Vita indipendente.

  • di
vita indipendente

Nelle scorse settimane è ricominciato il pressing di diverse associazioni che si occupano di Vita indipendente per riuscire ad azzerare la lista d’attesa. Dopo le vicende di agosto infatti, che hanno visto protagonista, tra gli altri, Luigi Gariano che ha occupato la sede della Regione Toscana ottenendo lo stanziamento di ulteriori 2.500.000 € dalla Regione, sono rimasti ancora esclusi dal progetto circa un ottantina dei trecento richiedenti che ne avevano diritto.

Per questo, alcuni giorni fa, si è tenuto un incontro tra i rappresentanti delle suddette
associazioni, che chiedevano l’azzeramento della lista d’attesa, ed i membri della regione Toscana, tra i quali erano presenti:

– Il capo dell’ufficio di gabinetto del Presidente Sig. Ledo Gori;
– l’assessore alle politiche sociali della regione Toscana Sig.ra Stefania Saccardi;
– la responsabile di settore Politiche per l’integrazione socio-sanitaria, Sig.ra Barbara Trambusti;

Vista l’impossibilità, nel corso dell’incontro, di raggiungere un accordo, è stato deciso che le parti si sarebbero re-incontrate a breve, dopo un’ulteriore analisi del bilancio necessario per il reperimento de fondi mancanti a coprire le circa 80 posizioni rimaste fuori dallo stanziamento di agosto.

Non avendo però ricevuto alcun riscontro, a inizio settimana le associazioni hanno deciso di riprendere le azioni di protesta davanti alla sede della Regione.

La protesta, iniziata con il blocco del portone principale della sede della Presidenza della Regione, ha avuto come conseguenza la comunicazione da parte del capo della segreteria del Presidente della Regione Toscana, di una riunione della Giunta fissata per martedì 15 settembre, durante la quale la verrà approvata una nuova delibera che stanzierà ulteriori risorse per “esaurire le liste di attesa” per il contributo per la Vita indipendente.

Abbiamo inoltre chiesto e ottenuto che la mattina precedente la riunione, ci venga fornito il testo della delibera da approvare in modo da poterlo esaminare.
Nell’attesa, a maggioranza, i disabili presenti al presidio hanno deciso di non proseguire le proteste previste per le giornate di venerdì 11 e lunedì 14 ma di concentrare nella giornata di martedì 15 settembre, nel caso il contenuto della delibera non dovesse esser ritenuto soddisfacente, il presidio, che avrà luogo a partire dalle ore 10:00 davanti alla presidenza della Regione, in Piazza Duomo 10 a Firenze.


Seguici e condividi: